lunedì 18 gennaio 2010

La musa dell'ispirazione

L'ispirazione viene dalle cose più inaspettate. Da atmosfere, abbinamenti, forme colte attorno a noi.
Mi sembra ieri che mi ribellavo ai corsi della scuola d'arte (CSIA di Lugano) perché dovevo copiare motivi Bizantini o Vittoriani che dovevo mettere "a rapporto", le centinaia di motivi fiorati che trovavo bruttissimi che dovevo riprodurre ad occhi chiusi, e ogni giovedì dovevamo portare grandi mazzi di fiori a lezione e copiarli fino allo sfinimento: a matita, a tempera, a gessetto, stilizzarli, copiarli, estrapolarne colori e sfumature... Non capivo il senso di quegli esercizi, io mi sentivo una "artista", pronta per creare nuove cose mai viste prima.
Ma che piccola Fata-montata e gasata!!! Per fortuna ho ricevuto le mie belle "batoste" ed ho avuto maestri severi ma comprensivi, determinati a tirare fuori la mia personalità, ma non senza prima insegnarmi le basi.
Ci vuole molta umiltà nelle professioni creative, bisogna conoscere la storia dell'arte, l'antropologia, la psicologia del colore, essere capaci di vedere e disegnare, organizzare gli spazi.
Bisogna "fare nostre" tutte le tecniche e le conoscenze; per poi metterle "da parte".

Quanta frustrazione ho masticato prima di riuscire a fare qualcosa di veramente mio...
E poi è ben vero, nulla si inventa! Ma ho imparato che è importante saper guardare sempre con occhi nuovi alle cose del passato per poter fare qualcosa di nuovo.

Questo ho cercato di fare quando ho crochettato, apparentemente senza alcuno schema (si chiama free form crochet per questa ragione), uno dei miei ultimi beretti. Stavo sfogliando uno dei miei libri di fotografie ("Fashion", ed National Geographic, a cura di Cathy Newman) e mi soffermo su questa fotografia del popolo Balti (Pakistan)rimanendo folgorata dall'ingeniosità nel confezionare capi di abbigliamento assemblando elementi del tutto differenti tra di loro (cerniere rotte, conchiglie, tessuti, monete, ricami, stoffe e filati). Ed il mio crochet è partito da solo. Certo il risultato è completamente differente, sia per materiali, che per lavorazione e colori, ma nel mio cuore è quell'immagine che emerge ogni volta che lo indosso.

Adoro ispirarmi ai libri della tradizione. Qui il già citato Fashion, un Taschen ( Japanese Prints) che spesso amo guardare ed un libro sui ricami orientali che ho acquistato presso la libreria di 10 Corso Como a Milano. Purtroppo è tutto in Giapponese o Cinese (queste lingue non le so, sorry) e quindi niente referenze.

Proprio in questo ultimo libro ho visto un ricamo di un Koinobori, una carpa volante, immagine che mi ha sempre affascinata. "Koi" in giapponese significa "carpa" e "nobori" "bandiera". Il 5 maggio in Giappone è la festa dei bambini (maschi in particolare) ed all'esterno delle case si appendono queste bandiere al vento per augurare loro fortuna, prosperità, gioia e salute. Clic qui per tante belle immagini.

Ed ecco la mia Koinobori-murrina in costruzione.

E sempre sullo stesso libro mi colpisce un altro ricamo, quello di un fiore.

E qui la mia interpretazione "in progress".

E voilà le murrine ridotte in diversi formati. Sullo sfondo ne vedete altre, più geometriche, un po' "jap", pensate come base sulla quale applicare i motivi presi dai libri.

Ed eccone alcune perle, cotte, scartavetrate e lucidate. Niente a che vedere con i ricami originali; anche se a loro ispirati.

Ed ecco due Gri-Gri, una con sfondo a raggi dorati e l'altra con sfondo a spirali bianche.

Ed ecco la Gri-Gri FatinaKoinoboriEmbroyed, lascivamente adagiata sul Koinobori originale.

E qui la Gri-Gri FataGeishaKoinobori con sullo sfondo un'immagine che mi è servita come ispirazione per la sua capigliatura (non le dica che somiglia alla Pucca che se no si arrabbia (lei è una intellettuale!!!).
Ora, a distanza di quasi 23 anni dalla fine dei miei studi faccio quello che mi pare, ma non ho mai, mai, MAI finito di imparare (e meno male!).

Ed è tutto! Anzi no, sto cercando come una pazza un libro con illustrazioni di motivi tessili o di artigianato russo. Sembra impresa impossibile. Avete qualche buona referenza da darmi? (immagine sempre tratta da Fashion).
A presto, e buona ispirazione a tutti!

41 commenti:

Anonimo ha detto...

Cathy sono BEL LIS SI MEEEEEEEE!!!!
la carpa e il fiore in costruzione hanno colori magnifici, sembrano caramelle morbide morbide per addolcire istanti nebbiosi (come sarà mai il panorama qui intorno?)!
è proprio vero, quando ti senti il "talento" d'artista, è proprio allora che devi essere più umile e che c'è sempre da imparare (e quanto è bello?)
supersmack
ClaudiaC

Iggy ha detto...

Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primo,Primoooooooooooooooo!!!!!!
Ciao Amour, le foto sono bellissime, come sempre, ma le tue crazioni ancora di più, Bacio, tuo Iggy.
FATA FOR PRESIDENT, YES SHE CAN!!

Iggy ha detto...

O,o, non sono il primo, Claudia sei un fulmine. Ma almeno sono secondo.

bijoux niki ha detto...

Fata mi hai davvero lasciata a bocca aperta!!!
ma che belle cose hai fatto!

La carpa volante mi fa impazzire,sai cosa mi piace di te? Che sai sempre stupire,sai re-inventarti ogni volta,non solo non c'è una fatina uguale all'altra ma adesso anche le fatine giapponesi....mancano solo gli occhietti a mandorla!

Spero che troverai il libro di tessili russi perchè non vedo l'ora di scoprire cosa ne tirerai fuori!!! Preparatevi chissà che meraviglie!!!
grazie cathy
niki

aniceandcinnamon ha detto...

dovrei smettere di passare da te.Ogni volta ci lascio gli occhi...accidenti sono troppo carine! Delle Fata-cinesine troppo adorabili! Complimenti davevro Cathy
Un abbraccio XOXO

bellanna ha detto...

Bello, bello, tutto stra bello. Quelle fatine col vestitino nero poi sono scicchissime!
ps. che carino il tuo Iggy:-D

siland ha detto...

Ogni volta che vedo i tuoi lavori rimango a bocca aperta...sono bellissimi!
E' proprio vero che sovente l'ispirazione viene dalle cose più inaspettate.
Brava, brava, brava...
Silvana

Ciacchina ha detto...

fantastico tutto!
p.s. sono in fase minimal...anche nei commenti

Vanesia ha detto...

La carpa volante è bellissima!! Le nuove fatine japan mi piacciono molto !! Brava sempre Fata!!!!!!!

Rory ha detto...

Quanto è bello questo post!!, e sono bellissime le tue nuove creazioni tutte jap!!!.
Hai avuto davvero una meravigliosa ispirazione!.
Notte dolcissima fata!.
:*

AnnaDrai ha detto...

oh che bel post! oh che bella lezione d'arte e ispirazione ci hai dato, mia cara fata!
e ora capisco percho i dettagli delle tue grigri sono sempre così preziosi e ricercati :)
un bacione
ps io di russo c'ho solo la matrioska :D

Sara ha detto...

Es genial tu trabajo y la inspiración que tuvistes para personalizarlas así.

cinziacrea ha detto...

Che devo dire??????
Bellissime, mi ritrovo perfettamente in quello che dici, si deve sempre sempre migliorare, si guarda, si studia si incamera....e poi via, la fantasia e tutto il tuo curiosare e sapere partono in quarta.
Fata fatonzola questa mattina, con i tuoi colri la giornata partirà alla grande (almeno spero).
Un bacio e di nuovo complimentissimiiiii.
Ciao Cinzia.

bipbip ha detto...

Che belle le nuove murrine e le nuove fatine, sei stata bravissima nel prendere ispirazione....come sempre del resto!!!

gragra ha detto...

confermo, nn ci sono limiti alla tua creatività e bravura!!!
brava,brava,brava.
ciao!
gra

Anonimo ha detto...

scusa Iggy, non volevo passarti avanti......
Il primo posto nel cuore della Fata è saldamente tuo!
smack
ClaudiaC

Val_ ha detto...

Caspita, questo post lascia senza fiato... Quanta cultura, quanta passione e soprattutto quanta vita in così poco spazio. Mi inchino, che altro fare, all'artista. Lo so, di solito lo so dice nella bellezza, ma anche l'ispirazione è negli occhi di chi guarda.
:)
Valeria

Antonella ha detto...

Affascinante il percorso e molto bello il risultato. I ricordi della CSIA poi... come ti capisco. Io ho odiato per anni i carrelli della spesa che ho dovuto disegnare in mille e non più mille posizioni...

Mary ha detto...

Sicuramente chi ha basi artistiche si vede,:-))
interssante come nasce un progetto che via via prende forma , è bello reinventare ed reinterpretare personalizzando un disegno ...sono convinta se lo facessimo ognuna di noi verrebbero altre interpretazioni
complimenti fata :-)) un bacione

Sara Pacciarella ha detto...

Uh ma che bel post!
Bello ricco di spunti di riflessione.
Condivido tuttissima la prima parte.
Le basi servono, bisogno immagazzinare un pò di tecnica, e metterla da parte al servizio della creatività. "Copiare" serve per comprendere le forme, le luci, come gli oggetti si comportano e conoscere come sono fatte le cose.
Quando ho fatto il corso di designer anche a me hanno fin da subito fatto fare degli esercizio di ritrattistica. Che noia, ma che utilità. Io penso che sono tutte cose che inevitabilmente ti rimangono dentro e formano la tua intepretazione del mondo. L'importante è avere la personalità negli occhi che guardano le cose, la tecnica ci può solo aiutare ad esprimerci meglio.
L'ispirazione poi, è un capitolo a parte su cui conto presto di scrivere qualcosa anche io.
Delle tue novità la mia preferitissima è la murrina ispirata al fiore ricamato. Però mi piace la versione in progress piu' di quella incorporata, sò normale? :-)
Sigaretta time? Io provo a spezzare la noia lavorativa così, ti aggreghi? Dai che ci facciamo anche un caffettino di mezza mattinata!

Muaissimi.

Sara.

Beta ha detto...

Interessantissimo post e meravigliose novità.... e che TU fossi bravissima, c'erano dubbi? Ma no!!! Ma quando!!! TU sei una VERA creativa... tutto il mondo lo sà ;-D
Bacioni oni oni

*-cipi-* ha detto...

le murrine sono spettacolari!
il koinobori (o coem si scrive) mi piace tantissimissimo!
e il fiore... bè, sono sempre affascinata!

hai ragione, le basi sono importanti, ma penso faccia parte dello spirito creativo ribellarsi alle imposizioni ed un pochino anche agli insegnamenti. cioè, se devo fare qualcosa come mi insegna qualcun altro, che creatvità è?

bacio
-cipi-

Perline e bottoni ha detto...

Non posso non lasciare un segno del mio passaggio anche se è tardi e le belve fameliche stanno per tornare e io non ho cucinato niente. Ma come non posso dirti che la preparazione delle gri è affascinante e il risultato è bellissimo, carico di poesia. E che solo gli stupidi credono di non aver mai nulla da imparare. Buonissima giornata pink

elena fiore ha detto...

Ma che orgoglio di amica che ho,
tieni 'na capa tanta!
Io invece tengo 'na capa tonta!
Davvero uno splendido post, per contenuti ed immagini.
Bravissima e preparatissima.
Ed a proposito di reminiscenze scolastiche, io devo ringraziare a vita Renata Pompas, per le 148.975 scale cromatiche che ci continuava a fare rifare.
10 gradini di tono colore che non andavano mai bene, perchè tra il 3°ed il 4° non c'era lo stesso salto cromatico come dal 7° e l'8°.
E poi, la si rifaceva, ma se si era calibrata bene la gradazione tra 3° e 4°, poi era sbagliata quella tra
ottava e nona.
Però ricordi quando domenica facendoti vedere il piattino di Rossana Orlandi ti dissi:
questo tondo colore, non ha lo stesso tono di contrasto di quell'altro?
Renata Pompas era riemersa!
Stava parlando lei, non io :-)

Se clicchi qui:

http://www.bol.it/libri/ricerca/1/tpr=10&g=Renata%20pompas&crc=100?referrer=cpcitgoo0912RLibriAu&gclid=CPiP_KO6sJ8CFYKCzAodYinQ0A

puoi vedere alcuni suoi titoli:

Un bravo maestro ti resta nel cuore (e nella mente) a vita,
...proprio come un'amica!

Smuaccc
Stavolta non Spic...ma Braccio!
Oggi, con questo tuo post, è azzeccatissimo!

Vania e Paolo ha detto...

Mamma mia...qui si vede e si sente la tua creatività alla grande...una dote che non tutti hanno...mi complimento e ti dico...grandioso post... ma grandiosa Tu.
Ciao Vania

emilia ha detto...

....sempre più brava !!! Ma brava brava !! Bacio :-)

Il mio nome è Leilaluna ha detto...

è proprio vero che non si inventa niente :)ma che le ispirazioni più grandi sono quelle delle cose che ci colpiscono di più.
Anche io ho fatto 5 anni di istituto statale d'arte.. ho preso l'arte e l'ho messa da parte per i tempi migliori.. infatti è vero che il mio lavoro è tutt'altro che creativo ma nella mia vita cerco sempre di imparare cose nuove e come te di ispirarmi a tutto... mi sento un pò come una spugna qualche volta... :)
I tuoi Koi e la tua fata gheisha sono bellissimi!! sono passata per ringraziarti di esser passata da me..e guarda mi ritrovo un nuovo post.. complimenti per tutto.. un bacio mia cara...e buona creatività

Anonimo ha detto...

non arrivo x prima nel dirti che le tue creazioni nipponiche sono meravigliose, e ti auguro di trovare presto le russe che vai cercando...vogliamo vedere presto le matrioske gri gri!! e grazie x renderci partecipi delle tue ispirazioni, a me affascina tanto sapere anche quello! e leggo tutto questo con ammirazione infinita! sei un vulcano di idee! ps. i tuoi capellini a crochet pure sono graziosissimi e unici!!!

ilaria lotti ha detto...

scusa mi sono firmata anonima, x sbaglio ma sono una tua fedele,che ha una tua fatina, saluti salmastrosi da viareggio, ilaria

Tatti ha detto...

Oh, ma quando "ti si dà dell'artista" n'è mica così tanto per dire eh? ^___^

Un bacio grande (ben rifinito con abbraccio) e due linkini....se già non ci sei capitata in groppa...^_^

Tatti

http://www.bol.it/libri/Artigianato-russo/na/ea978887203466/

http://www.colliniatomi.it/?sez_alias=LIBRO-RUSSIAN-TEXTILE-TESSUTI-RUSSIA-STAMPE-FLOREALI-DISEGNI-DECORAZIONI-STOFFE-ZAR-IMPERO

Alessia ha detto...

Grazie per questo post, è affascinante sapere da quanto lontano possa venire l'ispirazione... E come poi prende forma in qualcosa di diverso e unico!
Propio come le tue grigri, e i tuoi cappellini e te!
Alessia

Cristina ha detto...

Ma che bel post!!!
Ed è sicuramente vero non si finisce mai di imparare!!!
Grazie per i tuoi riferimenti e debbo dire che mi stupisco a volte da dove possa arrivare l'ispirazione!
Le tue fonti sono bellissimeeeee e quindi le tue creazioni non possono che essere altrettanto belle!
Un abbraccio
Cri

cicoria ha detto...

Sante parole...a me capita spesso di non rendermi subito conto da dove parte l'idea, l'ispirazione e solo quando mi rilasso, nella mente si formano i collegamenti, è un processo bellissimo quasi magico!
UN BACIONE!!!!

crochetdoll ha detto...

bellissimo post! non voglio essere pallosa, ma trovo sia giusto che le persone possano rendersi conto che realizzare oggetti artsitico/creativi è un lavoro vero e proprio (nel senso più nobile del termine)che richiede tempo, studio, approfondimento e ricerca, non solo il desiderio di esercitare la predisposizione al lavoro manuale. Brava!

Maria ha detto...

Mi piace davvero tutto, cara Fata. Adoro le perline con fiori rossi su fondo nero. Ma più di ogni altra cosa è stato bello leggere questo post, riempirsi gli occhi con tante belle immagini e condividere questo percorso creativo con te.
E adesso, via con i russi! ;)

Lilli Prune ha detto...

EXTRA ! EXTRA! EXTRA!!! bravissimo !!!
GROS BISOUSSSSSSSSSSSSS ma gentille fée.
Lilli Prune;-)

Grazia ha detto...

beh...diciamo anche che tu hai il dono di saper cogliere quei particolari che poi ti ispirano...magari fosse cosi' per tutti....bravissima!!!
Grazia

La stanza di Miss Lizzie ha detto...

Meraviglia delle meraviglie!
Adoro queste nuove Gri-gri!
Con le immagini russe non ti posso aiutare, ma adoro anch'io gli accostamenti di colore e i disegni folk-gitano (forse per il mio sangue mezzo balcano?)

Ciao
Giuliana

La Bohemien ha detto...

Alla fatonza mancavano solo le ispirazioni di altre terre, e mò chi ti ferma più a te???
Dopo la russia che verrà? Gli indiani d'america? Ma le piumette le hai fatte già....certamente ci sarà l'africa e il messico, e perché no? Magari anche la mia bella sicilia, tanti limoni e una face cane trinacria O_o
La fatonza che di fantasia ne ha a mai finire non si farà mai mancare nulla, no no...e non CI farà mai mancare nulla! Ci fai sempre sognare a andare lontano lontano con questi tuoi viaggi mental-fotografico-creativi!!!!!
Un baciozzo e una stritolata ^^

LAle ha detto...

bisly.....VOGLIO LA FOTO CON I TUOI CAPELLI E LA FACCIA DA GRIGRI...........non ho parole.........è spettacolareeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Giulia Boccafogli ha detto...

Questo post...mi era sfuggito...e ora che l'ho letto ho pensato: questa donna è proprio una fata! E un po' di telepatia creativa...c'è...presto capirai perchè. Che donna sei! Bellissim spunti, bellissimi i risultati. Magico! Ti abbraccio fatina!
Giu'