sabato 8 novembre 2008

Proto-Fata (la Fimo ai tempi del colera)

Discorrendo con la mia web-sister Ila (PucciCrazy) sono rimasta sbalordita nell'apprendere che è da pochissimo che modella la Fimo.... Andate a vedere e ditemi se riuscite a crederci....

Oh vergogna, in pochi mesi che risultati... E io che ci "lavoro" a singhiozzo da 20 anni.....

Questo mi ha dato voglia di rispolverare cassetti e mostrarle le mie proto-creazioni in Fimo....

Ma prima il ritrovamento, poche ore fa, dei miei classificatori al tempo della scuola d'arte (sezione disegno tessile); puro Fiorucci inizio anni '80!!! Lo dedico a Elena Fiore che in settembre con un suo post ha riaperto vecchi ricordi di viaggetti a Milano nel mitico negozio Fiorucci a spendere tutte le paghette risparmiate per l'occasione!
... spero apprezzerà; questi sono autentici reperti d'epoca!!! Si parla dei tempi delle fotocopie, delle fotografie stampate, dei telefoni a muro!!!!!
Ma anche del zebrato, del leopardato, del lucidalabbra alla vaniglia, del profumo Charly (chi se lo ricorda???) di Ivan Cattaneo con le sue rivisitazioni degli anni 60 ma soprattutto di Polysex (ricordate i 45 ed i 33 giri, odddddioooo li avevo dimenticati)... Le feste nelle cantine degli amici e delle mamme che ci aspettavano col motore acceso alle 22.30 (umiliazione), delle cotte, dei ciondolamenti davanti ai bar nella speranza di essere notate dalla persona "giusta"; salvo scappare con il viso in fiamme o abbassarsi dietro un vaso di fiori quando finalmente ci vedeva!!! Mi torna l'angoscia del brufolo solo a pensarci!

E poco dopo Keith Haring, il gruppo Memphis ecc... Colore a profusione, figure stilizzate, sbeffeggiate, colorate!!!!
I primi R.E.M, gli Echo and the Bunnymen (tanto per citarne solo alcuni) ...



È alla fine degli anni '80 che ho scoperto la Fimo. Ero reduce dagli studi d'arte e di ritorno da Parigi dopo una breve carriera come disegnatrice di tessili free-lance per un famoso Atelier di design per l'alta moda. La vita era dura come "extracomunitaria" e per poter lavorare potevo farlo solo con lo statuto di studente.
Mi dividevo quindi tra accademia d'arte al mattino e Atelier dalle 13 alle 21 per recuperare il tempo perso; perché più disegni si producevano e migliori chances si avevano di vendere un pattern. Ai tempi, per ogni disegno venduto toccavo circa 30-40 euro a seconda dello stilista o del mercato al quale veniva destinato. Potete immaginare quanti disegni era necessario vendere per sopravvivere... Ma grazie a questa esperienza ho imparato l'arte di arrangiarmi (o meglio l'ho affinata) ed a vivere alla grande con molto poco!
Tornata in Svizzera, in un primo tempo ho dovuto mettere da parte tutte le mie velleità "artistiche" e rimboccarmi le maniche accettando qualsiasi lavoro; dalla venditrice di scarpe alla Di Varese, di abiti in una succursale (o goduria!) di Fiorucci, "tutto fare" presso un museo d'arte moderna e telefonista presso una sfilza di industrie.....

Guadagnavo molto poco e lavoravo molto, per lo più in settori che non mi interessavano affatto. Dovevo quindi trovare un modo sia per arrotondare i miei miseri stipendi, che per sfogare i miei BISOGNI creativi! Ed ecco palesarsi la pasta polimerica!!! Nell'88 la Fimo era dura, ma dura..... Per ammorbidire un panetto a volte ci volevano più di 20 minuti e spesso mi ritrovavo (davvero) le fiacche sulle punte delle dita e nel palmo delle mani!

... Ma i risultati!!!! (ridete, ridete!)Riuscite a crederci che rimanevano tutti a bocca aperta e che queste venivano considerate capolavori di minuteria umana.... Da scompisciarsi!!!! (Ilaria attenta, ti sento sai con il ghigno da iena!!!)
Ecco i pezzi che ancora ho ritrovato in giro qualche mese fa.
Oh! 20 anni e non li dimostrano.... Hihihi...
I panetti ai tempi pesavano 65 grammi e costavano 2,80 franchi (guardate!), ora sono 56 grammi e costano 3,50. E sapete cosa???? Questa Fimo è ancora "lavorabile"!!!
Questa estate ero rimasta, di domenica (!!!! DRAMMA!!!!), senza il nero, e mi serviva assolutissimamente per fare quello che avevo in mente.... Ecco, riesumati i vecchi panetti: modella e fatti venire le fiacche ma la pasta è ancora come nuova, perfettamente compatibile con quella di "nuova generazione"!!! Ecco perché amo tanto questo materiale; ha infinite possibilità e non c'è modo di annoiarsi mai!
... E che dire della mia collana di formiche??? Una beata scopiazzata di bijoux che andavano all'epoca (ho cercato ma non li ritrovo, erano di cautchouc, ho visto che li hanno re-editati. Erano grandiosi. Se qualcuno ne sa qualcosa me lo fa sapere???)
E poi nel 93 (era il secolo scorso e si vede) ho "inventato" le murrine!!!! Ma ci credete???? Io ci credevo ed ero molto fiera del mio lavoro e delle "ferite di guerra" che portavo a testimonianza (sempre calli e fiacche alle dita dovute allo stra-modellamento di questa specie di pietra morbida che era la Fimo). E, ci crederete o no, si vendevano come panini caldi..... Questi sono gli ultimi, teneri articoli che mi rimangono....

Bene, vedo che continuo a non perdere occasioni per auto-umiliarmi, hummm... Dà da pensare!!! Ma è così divertente!!!
E voi, cosa facevate negli anni '80 del secolo scorso????

.... Come mai non ridete più ora????

bye bye da FataBislacca

31 commenti:

Iggy ha detto...

Ciao Fatina mia. Negli anni 80 avevo solo 8 anni e, se ben mi ricordo, disegnavo dei fumetti che leggevo solo io. Era la storia di un cane che per primo aveva lanciato un razzo sulla luna. Mi ricordo ancora alcuni disegni. Poi ho scoperto le riviste del sopranaturale e la mia immaginazione non aveva più limiti. Per me, a quei tempi, c'era un mondo a parte nel sotto terra. Tutti i personaggi dei fumetti ci vivevano lì. Poi la scoperta della musica e la voglia di diventare una rock star..............E poi? Poi a 36 anni mi ritrovo a scrivere il mio primo racconto, felicemente sposato con te, in una bellissima casa con tre meravigliosi gatti.
Che dire, meglio di cosi............
Tuo Iggy.

Ilaria ha detto...

Hai ragione! mi hai riportato il sorrisosky sulle labbrosky!

Ti ricordi le scarpe di Fiorucci in pieno stile SKA... nere con la parte sopra zebrata fucsia?
E ovviamente sai che sognavo una camera tutta in stile memphis?
Sai che anche io e mia sorella ascoltavamo Cattaneo?
E i calzini rosa fluò...

Che tempi incredibili! mi sono divertita come una pazza!

Da Fioricci spiavo le vetrine e scopiazzavo un po' di idee per rifarmi i vestiti a casa!

Gli Echo and the Bunnymen li ho sentiti in concerto con Vito ( già insieme, pazzesco!), sparando delle balle da paura a mia mamma, che non voleva che uscissimi insieme!

Hai dimenticato i pantaloni a carota?
La frangetta sparata dritta?
siouxsie & the banshees?
"Porcaloca" sono troppe le cose da elencare... che sia il caso di lanciare un'altra sfida? o ce la godiami io e te questa volta?

Mennamye !

Ilaria ha detto...

Hi hi hi, comunque carine le tue opere prime in fimo!

Prima o poi ci dobbiamo vedere per contarcela tutta!

intsp

sempre Fata Bislacca ha detto...

sghignazzo...
Iggy mi fai sembrare una corruttrice di bambini.... Io all'accademia e tu che avevi 7 anni.... Dai, ne avevi 11!!!!!! Almeno!!!! Beccata!!!! Anche io sono felicissima per come è andata a finire... Le premesse erano un po' raccappriccianti a quell'età....
Ila; yesssss! Siouxie è poi un altro capitolo, con tanto di fotografie.... Un'altra storia, un'altro post, un'altra sputtanata! Io Echo li ho visti a Parigi con un amico gay che voleva sposarmi per farmi avere il permesso di lavoro!!! Con Igor ci abbiamo riso molto... Pensa che macello.....
Le ricordo le scarpe; un mito!!!! I pantaloni a carota (con inserto per allargarli ancora di più in vita così poi erano a "bomba"). Nooo, che deliri!!! Ed il trucco... Ma questo era nei primi anni 80 (almeno per me che ho 3 anni più di te)....
Per le mie opere prime non ti ho fatto un pochino di tenerezza o stai ancora tenendoti la mascella.... Cavoli non si ha mai faccia abbastanza per perderla tutta in una volta!!!! Quando pensi di aver toccato il fondo si apre un voragine! Si, già detto, dobbiamo smetterla di incontrarci così!!!). Ah, lo ska!!! Ero iscritta al fans club dei Madness.... Ma sai che ho fatto, amato, sognato così tante cose e persone e luoghi che mi viene il dubbio che abbiano falsificato il mio atto di nascita e che in realtà sono già ultra-settantenne?????

Tristezza; non ho parola di controllo e su questa dolente nota ti lascio!!! Grazie per le foto.... Vedrai.... Prima o poi!!!!

Gio ha detto...

Ah, mi consolo ero troppo giovane..che dico! Neanche nata! ;-) Meraviglioso il protofimo, ancora hai i vecchi panetti per casa? Penso sono dei ricordi come i nostri vecchi vestiti, che non vorremmo mai buttare! Mmmm io pero' lo chiamo Fimo , maschio , avro' qualcosa che non va? In effetti dovrebbe essere femmina, ci devo pensare bene...

orkaloca ha detto...

io sono nata nell'80... e all'epoca dvo i grattacapi perchè non volevo studiare storia e italiano... e la questione non è mai migliorata.
:p

Barbara.c ha detto...

Ciao Fatina,
negli anni 80 avevo giusto 15 anni.... vivevo, subendo, la prevaricazione di mio padre e l'assoluta assenza piatta di mia madre....meditavo su suicidi, e omicidi.... sognavo il Principe Azzurro (che poi è arrivato, poco principe ma tanto uomo, va bene così!!)
Non avevo velleità artistiche.... dovevo far sopravvivere la mia anima.....scrivevo, scrivevo,scrivevo e ancora scrivevo!!!
La musica però la ricordo come un rifugio dolce!!!
Baci grandi... ma lo sai che queste tue domande possono dar vita....ad un libro!?
Grazie....

BarbaradaRoma

Susina strega del tè ha detto...

Perchè non rido più?? perchè negli anni ottanta avevo si e nò 15 anni e domani ne compio 41!!! ecco perchè!! mannaggia alla stramaremmaimpestata!!
Che bello il tuo racconto! Io mi ricordo benissimo del profumo Charlie, eccome, era anche super economico, e ne andavamo tutte pazze, e l'eau Jeune della l'oreal e lo yendi di capucci te lo ricordi?? Che profumi mitici!!! Ivan Cattaneo però lo oadiavo preferivo di gran lunga gli Echo and the Bunnymen e la Siouxie.... ma tu sai!!! Invece non sai che a Pisa, nei pressi della stazione c'è un'enorme murales fatto da Haring in persona poco prima di morire.... Vedi che devi per forza ritornare?????
^________^

Roberta Filava ha detto...

Fata, ero in cucina a cucinare e pensavo la stessa cosa del mio post sull'estrazione Candy. E vabbè è anche questa una maniera di selezionare...!! scusami se ti scrivo in questo post...ma ti lascerò un commento presto..e poi sto per pubblicare quello sulla mia postazione ordinata..si fà per dire..!
un bacio grande e buona domenica..
peccato che la vita sia sempre una selezione naturale..
bacissimi
roberta

LAle ha detto...

...io negli anni '80 non ero nata...ho aspettato altri 4 anni per venire alla luce...VECCHIONAAAAAAAAAAAAAAAA!!!! AH AH AH AH AH AH!!!! COME ME LA RIDO!!!!

sempre Fata Bislacca ha detto...

Gio, Orkaloca e LAle piccoline; non sfottete mica poi tanto che anche questi tempi hanno i loro orrori che ci piacciono tanto ed un giorno guardandovi indietro vi farete tenerezza e sarete tanto tanto felici di essere vetuste come la Fata Bislacca.... Vi prometto che è bellissimo arrivare ai 40... Io quando avevo 20-25 non mi sembrava possibile che esistessero persone over 30 che amassero ancora la vita.... Tenera!!! È sempre meraviglioso!
Barbara c. mi sa che siamo coetanee... Non ti credere che non avevo i pavimenti lastricati di fiori nemmeno allora... Anche io scrivevo un sacco (sapessi i "romanzi nel cassetto"; chissà se li ritrovo) che ho scritto tra i 12 ed i 14 anni.... No, non tornerei indietro e non farei nulla di ciò che ho fatto in modo diverso!
Susinetta; e che mi dimentico che domani diventi proprio moooooolto vecchia ed anziana. Si che me li ricordo l'eau Jeune e lo yendi... Ce li ho ancora impressi nel DNA.... Echo e Siouxie sono venuti dopo, verso i 17 anni.... Lo so che ho mischiato un po' tutto....
Murales di Keith?????? Non lo sapevo e devo vederlo ma sarà solo un argomento in più per tediare Igor per tornare a Pisa!!!! Buona veglia di compleanno!
Roberta; eh sigh! Dai che in quattro gatti ci divertiamo!!! Non vedo l'ora di vedere la tua postazione che immagino colorata, misurata ed elegante come sei tu!!!
Un abbraccio ancora a tutte voi!

Simo ha detto...

Il Charly me lo ricordo, ne ho ancora mezzo flacone in bagno! E vi ricordate, verso la fine degli anni 80, le borse di Nay Oleari? Quelle fatte a cartella, con tutti i fiorellini!Che bei tempi...nostalgiaaaa!

Mary ha detto...

;-) Carino questo post
ricordo il profumo Charly... avevo messo da a parte soldini per comprarlo;-) negli anni 80ero una tessitrice ... e le magliettine fiorucci con gli angeli ( che c so ancora ) .. ehee.. tempi andati ....

Fior di Mela ha detto...

io sono nata nel 86 ma gli anni ottanta me li ricordo con la vita altissima dei jeans che fa il culo a mandolone e le spalline pompatissime e i calzini di spugna bianchi. ps però anche io mi ricordo le borse della naj oleari
cmq amo gli anni 80 peccato nn essere stata lì per godermeli...
a proposito ho una teoria sugli anni ottanta e soprattutto sulle tette anni 80... sembrerà strano ma è così
tra i miei amici qst teoria è un must... ogni 15 giorni me la fanno ripetere e giù a ridere per ore io però ci credo davvero
ps2 chiunque la volesse sapere ... chieda e le sarà dato :)
FiordiMELA

elena fiore ha detto...

Io negli anni '80 mi strappavo i capelli per Miguel Bosé...E con questo ho detto tutto...
Ciao Cathy, elena

laur@ ha detto...

cosa combinavo negli anni 80?oltre a divertirmi parecchio,e dopo aver ottenuto il diploma di maestra d'arte(all'istituto d'arte per la ceramica di faenza) ho voluto continuare e ho preso il diploma di magistero restauro.
all'incoscenza non c'è mai fine...

sempre Fata Bislacca ha detto...

Simo e Mary ma sto Charly ce lo ricordiamo tutte!!! Che storia, mi piacerebbe risentirlo Siiii, quante altre cose ci sarebbero da ricordare... Lo faremo a poco a poco.... Grazie per il vostro contributo!
Fior di mela; attendiamo la tua teoria sugli anni 80!!! Le spalline imbottite le avevo del tutto rimosse dai ricordi!!!! Geniale! Dunque chiedo, chiedo!!!
Elena Fiore; anch'io a 12 anni avevo la cotta per Miguel Bosé; mi ero persino spedita una lettera da parte sua che leggevo e rileggevo con struggimento..... Vedi, c'è chi stava peggio di te!
laur@ Cipicchia!!!! Che curriculum, meno male che ti divertivi pure!!! Si, sono come te, non riesco a smettere di studiare e concordo; all'incoscienza non c'è mai fine!
Baci a tutte e grazie per i vostri ricordi e contributi!!! Soddisfacete tutte le mie curiosità!!!

elena71 ha detto...

Degli anni 80 mi ricordo la mia cresta bionda dark-punk e il relativo codino dietro, con mio padre che quando mi ha visto con quei capelli voleva picchiare Nando er parrucchiere :DDD

Il mio motorino Si, i Cure, i Clash, i Litfiba, le borchie, gli anfibi.

Borsone Camomilla, all stars e calzini Naj Oleari, senza dimenticare il mitico Moncler..
Ebbene si, passavo tranquillamente dalla versione dark a paninara senza tanti senzi di colpa.

L'istituto d'arte e gli scherzi che combinavamo, io che in quegli anni mi trasformavo da ragazzina muta e timida in casinista, sempre timida, ma sicuramente non piu' muta :D

Mi ricordo quegli anni secondo quante volte il mio amore di allora mi lasciava e mi riprendeva..

Mi ricordo i viaggi a Roma in treno con mia madre a fare shopping ai Cantieri del nord e bacillario, l'accademia di belle arti..

Bellissimi ricordi, quasi quasi ritorno indietro :)

*-cipi-* ha detto...

mmmmmmmmmm
ero sicura di averlo lasciato un commento a questo post... ma dov'è finito?
ummamma, a chi l'ho lasciato? sta a vedere che l'ho scritto sotto un video di youtube che guardava il ciucciolo O____O
io degli anni 80 non ricordo molto, ho tante foto, il racconto di mia madre di come sia stata veloce a tuffarmi col girello dalle scale, il vago ricordo di una nevicata, o forse due, che la neve mi arrivava al ginocchio (cosa che qui sul mare non succede molto spesso, anche tenendo conto della mia allora statura nana).
per la vita mondana ero ancora troppo piccola, ho iniziato ad uscire solo verso i 14 anni, cioè nel 1994 :D
ah, e mi ricordo i trucchi di mia mamma, che poi ha buttato prima che riuscissi ad usarli io.
ah, bella l'infanzia.

e adesso mi viene in mente che c'erano un paio di catene di s.antonio che giravano del tipo "hai vissuto negli anni 80 se..." e poi non posso non pensare al comico di Zelig "non si esce vivi dagli anni 80" :D

sempre Fata Bislacca ha detto...

Elena e Cipi grazie per i vostri divertenti ricordi... Lo sapete che trovo irresistibili questi scambi di brandelli di affari vostri????
Grazie a tutti quanti ed arrivederci per la premiazione degli Oscar Gri-Grì (commentate gente, commentate!)
tuadin

Fior di Mela ha detto...

allora teoria sulle tette
... no sentite ... quasi quasi la posto sul mio blog e faccio un link sul blog di fatabislacca posso cara?? fammi sapere:)
Fiordimela

PuntoCroce ha detto...

e lo shampoo alla mela Campus dove lo mettiamo???? per fortuna non più nei capelli....
e il Supertelegattone???...

maria rosa

sempre Fata Bislacca ha detto...

Carissime; Fior di Mela, si dai postala e crea un link con il mio post!!!! Ora la devo sentire!
Maria Rosa... Ho omesso volontariamente il capitolo mela verde; a 14 anni mi è capitato di prepararmi tanto bene per l'uscita pomeridiana del mercoledì con le amiche del cuore che quando sono salita sull'auto di mia mamma si è messa ad urlare "Ehhhhh, che orribile puzza di m****". Vabbé, oltre allo shampoo alla mela verde avevo il lucidalabbra alla vaniglia, la crema al lampone ed il citato profumo Charly... Il risultato; una pulitissima FataAdolescenteBislacca che puzza di m****! Ed ora: FataComplessata!!!! p.s. ho letto il tuo commento da Iggy e ti vorrei abbracciare forte forte; sei una persona straordinaria!

Roberta Filava ha detto...

finalmente proverò a raccontarmi la mia...negli anni 80 avevo 15 anni e per la prima volta visitavo londra dove mia sorella viveva già da qualche mese a 16 anni. nell'84 ci sono andata io, scappando di casa con un gruzzoletto di soldi guadagnati dopo un anno di lavoro come ragioniera imbranata da un gommista (ho fatto solo danni!!). mia sorela era ormai in svizzera a studiare..le mode all'epoca non potevo certo seguirle, facevo la commessa e vivere a londra era veramente difficile. bella esperienza, durissima e importante allo stesso tempo..non sapevo che poi mi sarei iscritta all'università. i miei non li ho sentiti per mesi e ho preso 17 kg d'ansia..certo non ero spensierata come una ragazzina dell'epoca e così è stato per tutta la vita...dicono che si diventa più forti..mah!! ricordo le stesse mode delle altre ma i punk mi attiravano di più ma passavo anche domenica al parco da sola a dare da mangiare alle anatre...oggi quell'esperienza mi è tornata utile ma mai la farei fare a mia figlia!! spero non avervi intristiti ma questi sono stati i mie anni 80, alla ricerca di una strada che solo più tardi mi apparirà e sara la mia salvezza e la mia vita di ora...un bacio a tutte ho letto tutti i vostri racconti e mi sono sentita con voi e comunque una di voi..
roberta filava

AnnaDrai ha detto...

Ma che bello questo revival degli anni '80! I tanto bisfrattati anni '80! Eppure ci commuovono ancora perchè eravamo delle "ragazzette" (come si dice da queste parti) con tanti sogni romantici, come i pizzi che portava Madonna sui capelli ;) Naturalmente io non sono stata immune da pizzi, scaldamuscoli (fatti a mano!) in stile Flashdance, lo stile androgino, le permanenti boccolose, le spalline improponibili, gli orecchini più disparati, gli ombretti azzurri e fucsia, lo smalto nero o blu elettrico... e potrei andare avanti ancora per molto ;)

sempre Fata Bislacca ha detto...

Roberta e AnnaDrai; sisisisi... Sono stati lunghissimi questi anni '80 vero???? Quante fasi! Per me sono stati tra i 15 ed i 25 anni e quindi ho ricordi da adolescente fino a "giovane adulta" come si dice adesso.... Quindi ce n'è per tutti i gusti!!! I pizzetti ed i scaldamuscoli.... Avevo dimenticato! Io almeno quelli non li ho usati (oppure ho semplicemente rimosso con molta grazia fatesca). Lo stile androgino non ci ho mai provato perché sono la quintessenza della femminilità (hihihihi) ma gli ombretti di ogni colore e gli smalti... Che passione! E poi il punk... Ma questo è un grande capitolo a parte. Però come Roberta c'è anche il tirare a campare; imparare la vita, la depressione, ecc. Ma anche questo è un capitolo a parte. È vero che a guardare indietro sembra tutto semplice e radioso... Eppure!!!!! Beh, un bacio grande e non scordiamoci quel Mickey Rourke di nove settimane e mezzo nonché dell'anno del dragone.... Bacioni e godiamoci questi tempi che tra 20 anni ci rideremo sopra con quel che resta dei nostri denti!!!!!

cate ha detto...

Ohhh!!!Forse ce la faccio...allora neglianni ottanta ancora non ero nata!!!!!Tanaaaa!!!!va bene, va bene ci ho provato Dunque ricordo che avevo dei capelli unghissimi e siccome la piastra per ilfrisè ancora non era così diffusa mi facevo fare da quella santa di mia madre le treccette e ci dormivo tutta la notte!il risultato?Ve lo lascio immaginare!i polacchetti sotto le gonne afantasia BRRR se ci ripenso, poi la famosa papalina tipo quella dei musulmani ve la ricordate!!!!Ne avevo di tutti i colori!siccome con tutti quei capelli non si teneva su
camminavo con la mano sulla testa tipo paralisi!
compravo un giornale femminista che si chiamava
Donna io sono mia...curioso visto che l'obiettivo erano i ragazzi che non mi cagavano di pezza!!!Insomma ero mia per volere degli altri a ripensarci GHHHHHHHH!!!
I scaldamuscoli sulla tuta rosa della fiorucci ,si, li ho messi insieme a tutta la mia classe!!!!Ma una cosa non è emersa da tutti questi flash, le spalline Valentino!!!! COSì randi ci facevano sembrare giocatori di rugby
E poi le camicie e i maglioni over size!!!!!
Ero una sorcina con i fiocchi e non perdevo una nota di Renato Zero che amo ancora in verità ..
ho incontrato il mio amatissimo maritozzo...e tutt'ora ci sopportiamo stoicamente Eh!Eh!Eh!
Quindi l'invecchiamento dei miti ce lo abbiamo reciprocamente sotto gli occhi !!!!GHHHHHHHHH
Gli anni 80... gli anni della maturità, sogno ancora che non riesco a risolvere il compito di matematica...chissà perchè, visto che quell'anno per mia fortuna uscì latino...gli ultimi anni della musica disco...Mi sta venendo il coccolone!!!!La smetto qui
Cate

sempre Fata Bislacca ha detto...

Cate; Grande!!!!!!Apprezzo che nonostante il coccolone tu ci abbia scritto questo racconto!!!!! Bellissimo come ogniuna ha aggiunto qualche raccappricciante fondamentale dettaglio a questi ricordi degli anni '80!!!
Dioooo; la piastra; l'avevo dimenticata!!!! La mia sembrava la griglia del barbecue di mio marito!!!! Ecco cosa mi ricorda! Anche il profumo di pollo abbrustolito è lo stesso! E la papalina, oddio che teste d'uovo, erano improponibili quanto irrinunciabili! E il dettaglio del giornale femminista per trovare moroso!!! nooooo, adoro i tuoi commenti!!!!!! Grazie di cuore per aver "impreziosito" il mio post con queste chicche!!!! Baci baci!

PuntoCroce ha detto...

Complimenti Fata per il tuo bellissimo post e a tutti coloro che hanno lasciato commenti!! Ci hai fatto rivivere un periodo, con tutte le gioie e le amarezze annesse e connesse (ma d'altra parte è tutta esperienza di vita)
Mi è piaciuto talmente tanto questa fase "mi ricordo!_ma quanto tempo è passato!" che ci ho fatto un post anche io, tanto per mantere buona la memoria...
un bacione
maria rosa

sempre Fata Bislacca ha detto...

PuntoCroce; grazie per il tuo commento, sono venuta a leggere il tuo post che, come ti ho già scritto, mi è piaciuto moltissimo!!! Un brava di cuore, come sempre!!!!

Federica ha detto...

gli anni '80.... ero una bambina (classe 76) ma ricordo il look "cercasi Susan disperatamente", Boy George, i cerchietti di gomma colorata infilati a decine come braccialetti, i pantaloni troppo corti secondo la moda di adesso, gli ombretti dai colori assurdi (verdissimi, celestissimi, fluorescenti...). Io e la mia amica passavamo pomeriggi a pasticciare in giardino o a colorare vecchi fumetti... E si andava a scuola col grembiulino e la cartella, mica con lo zainetto... aaaahhh, gli anni ottanta... sarà la nostalgia, ma ricordo che ci si divertiva davvero con poco. E il commodor 64 ve lo ricordate? eheheh, altro che play station!
federica
il tempo ritrovato